EUROPA,  LAPPONIA

LAPPONIA: TRA SVEZIA E FINLANDIA

PERIODO: 26 DICEMBRE 2021 – 1 GENNAIO 2022
TEMPERATURA: -20 GRADI circa
VISTO: NO, ma consultate per qualsiasi documento (anche Covid) questo sito: iVisa
ORGANIZZAZIONE: KETRIP TRAVEL, VIAGGIO DI GRUPPO

CONSIGLI: la carta di credito/debito è accettata ovunque, quindi non ho cambiato i soldi e ho pagato sempre con la carta (in Svezia non c’è l’euro, in Finlandia sì); assicuratevi di noleggiare una buona macchina, magari con le gomme chiodate; portatevi degli indumenti molto caldi ricordando che le cose termiche sono lo strato più importante e devono stare a contatto diretto con la pelle, io ho usato i prodotti di Native to Wear; non indossate mai il cotone perché fa sentire freddo; le ore di luce sono molto poche quindi sfruttatele al meglio e organizzate bene la giornata, noi ad esempio pranzavamo molto velocemente con un panino; il Nord Europa è più caro rispetto a noi; consumare alcolici in strada in Svezia non è ammesso (pena una multa da 50 euro) e, per ubriachezza molesta, si può finire in prigione; si può usare il roaming dati; potete controllare l’aurora boreale con le applicazioni sul cellulare; se siete in un viaggio di gruppo come il nostro non avrete nulla a cui pensare altrimenti per le attività da acquistare potete buttare un occhio a Get Your Guide o Lapland Safaris.

L’ITINERARIO
DAY 1: volo per Lulea
DAY 2: Lulea
DAY 3: Rovaniemi
DAY 4: Rovaniemi
DAY 5: Lulea e volo per Stoccolma
DAY 6: Stoccolma
DAY 7: volo per l’Italia

L’AVVENTURA A LULEA

ROVANIEMI E COSA FARE

LA CAPITALE DELLA SVEZIA: STOCCOLMA

L’AVVENTURA A LULEA

Con il mio fantastico gruppo KeTrip sono partita da Roma alla volta della Lapponia volando con Norwegian e Lufthansa facendo uno scalo per iniziare la nostra avventura a Lulea.
Questo è un paesino della Svezia molto carino e molto servito, quindi si trova davvero di tutto: si hanno diverse tipologie di alloggi, supermercati, ristoranti e attività.
La cittadina non si trova molto distante dall’aeroporto, quindi quando siamo arrivati al piccolo aeroporto di Lulea abbiamo noleggiato l’auto con Hertz e ci siamo diretti ai nostri alloggi perché era ormai tarda sera. Siamo dovuti star fermi alle auto per farle scaldare e per far togliere il ghiaccio dai vetri… ma questo è un tipico problema dei paesi dei nord. Vi consiglio infatti di tenere sempre a mente 10 minuti in più per programmare le varie cose e gli spostamenti perché serviranno per scaldare le auto.

Lulea si trova sul mare, che nei mesi invernali troverete completamente congelato e sarà così resistente da poterci camminare sopra. Addirittura ci pattinano e si possono fare lunghe distanze! Ha una via centrale molto carina con molti negozi e decorazioni natalizie. Vedrete che in giro per la città e anche negli hotel vi proporranno di fare diverse attività ed esperienze ad esempio: la slitta trainata dai cani, escursioni per avvistare l’aurora boreale, escursione sulla nave rompighiaccio e altro. L’unica cosa è che vanno prenotate con largo anticipo sotto il periodo natalizio. Sono numerosi i siti web che vendono queste esperienze se non volete rischiare cercando il loco. Solitamente sono esperienze che vanno dai 150 euro in su!

Il giorno seguente noi abbiamo iniziato proprio facendo un safari con i cani da slitta (il costo varia e può arrivare anche a 200 euro a persona), bevendo un tea caldo in una tenda Sami davanti al fuoco e andando a vedere un tramonto bellissimo tra i boschi intorno alla città. Il consiglio è quello di coprirsi bene soprattutto sulla slitta perché terminerete l’attività con le ciglia e i cappelli tutti congelati, ma avrete fatto una cosa che vi rimarrà nel cuore. Mi raccomando fate tante coccole ai nostri amici pelosi a quattro zampe.

ROVANIEMI E COSA FARE

ROVANIEMI E COSA FARE
Il giorno dopo ancora, siamo saliti in macchina per dirigerci verso Rovaniemi (Finlandia), raggiungibile con strade a scorrimento veloce in 3 ore e mezzo circa. Volendo, con un po’ di deviazione potete far sosta al castello di neve di Kemi una fortezza di ghiaccio che ospita un bar e un hotel. Noi abbiamo preferito saltarlo.

Anche Rovaniemi è davvero deliziosa: ospita dei parchi con boschi e sentieri meravigliosi, tanti negozi, tante decorazioni natalizie e il villaggio di Babbo Natale!
L’entrata al Santa Claus Village è gratuita e anche vedere Babbo Natale, però tenete conto che appena arrivate dovete prendere l’appuntamento e mettervi in coda, non è detto quindi che quando arrivate vi facciano subito entrare, ma ci saranno degli elfi a regolare gli orari e la fila. Tenete conto che l’incontro con Babbo Natale è stato molto rapido, giusto un paio di minuti, tempo di una foto e di esprimere un desiderio e salutarlo. Non è possibile usare i cellulari e fare foto con altri dispositivi che non sia la loro macchina fotografica, il costo della foto e del video per mail ci è costato ben 80 euro! Fortuna abbiamo diviso la spesa tra noi e ci siamo inoltrate le foto.
Nel villaggio di Babbo Natale ci sono poi tante altre attrazioni che sono a pagamento singolarmente: si possono incontrare le renne, gli husky, fare dei laboratori, visitare la casa della signora Claus e incontrarla… Oppure c’è il Santa Park al costo di 33 euro circa, prezzo che aumenta in prossimità delle vacanze natalizie e arriva a costare sulle 40 euro. Questo si trova lì vicino e il prezzo del biglietto include tutte le divertenti attrazioni di SantaPark e non è necessario prenotare nessuna di queste in anticipo. Qui le loro attrazioni.
Devo ammettere che con gli occhi di un’adulta sono rimasta un po’ delusa da quanto sia costoso questo posto, come possono sfruttare ogni minima cosa per caricarla di prezzi altissimi. Però l’atmosfera natalizia è davvero deliziosa e con gli occhi di un bambino mi rendo conto invece che questo posto è davvero magico, pieno di neve, luci, decorazioni natalizie, personaggi, tutto curato dettagliatamente. Preparatevi però a spendere perché i bambini inizieranno a chiedere attratti da questo mondo delle fiabe. Anche i negozi di souvenir e i ristoranti presenti all’interno hanno prezzi più alti del normale e già di per se il Nord Europa è più costoso rispetto ad altre zone.
Noi adulti per fare un giro del parco, dei negozi, per scattare delle foto al Circolo Polare Artico e per far visita a Santa Claus ci abbiamo impiegato circa due orette e mezza.

La sera vi consiglio di passeggiare per la foresta innevata che circonda la città perché è un’esperienza unica e irripetibile: se c’è la luce della luna non vi servirà nient’altro, perché la luce riflette sulla neve e si vede alla perfezione. I sentieri nei boschi sono ben evidenti quindi non si può sbagliare, avendo il roaming dati potete controllare sempre su maps dove andate. Nei parchi di questi paesi ci sono spesso zone apposite per fare i falò: c’è il posto per fare il fuoco, la cabina della legna e la griglia. La cosa più bella che abbiamo fatto è stata quella di comprare il salmone e di cuocerlo lì, tra gli alberi, sotto il cielo di Rovaniemi. Se siete fortunati sono anche ottimi posti da dove poter ammirare l’aurora boreale, l’importante è stare al buio e stare lontani dalle luci della città. Fatevi aiutare anche dalle app sul cellulare che vi dicono se c’è probabilità di vederla e da che zona vederla (se avete un punto possibile abbastanza vicino vi consiglio di mettervi in macchina e di andare a caccia dell’aurora).


A Rovaniemi il giorno dopo abbiamo fatto un’esperienza con la motoslitta: sono diverse le agenzie che propongono quest’attività e si possono trovare andando in giro per il centro oppure all’interno degli hotel. Creeranno dei gruppi di persone (noi eravamo 15) e delle guide vi porteranno in giro nelle zone dedicate al passaggio delle motoslitte.. Attraversare i boschi con la motoslitta è stato molto bello ma non vi faranno andare fortissimo per questioni di sicurezza, soprattutto perché poi rischiate di dover pagare il mezzo! Infatti vi fanno firmare un foglio per eventuali danni prima di partire. Vi daranno anche la tuta, gli scarponi e il casco. La mia escursione prevedeva anche una fermata ad un piccolo allevamento di renne con la possibilità di fare un giro su una slitta. Noi però abbiamo preferito metterci in una tenda Sami a bere del tea caldo e parlare di questo fantastico viaggio.
Il giorno dopo ci siamo rimessi in auto per tornare a Lulea per prendere il volo per andare a Stoccolma.

DOVE CENARE:
Nili Restaurant, Arctic Restaurant e Bull Bar and Grill.

LA CAPITALE DELLA SVEZIA: STOCCOLMA

Stoccolma, la bella capitale della Svezia, abbastanza birichina se ventilata, perché ovviamente il vento del mare del nord d’inverno è freddo e fastidioso!
Non ho particolari consigli per dormire: ero in un mini appartamento in zona Traneberg su un palazzo molto alto poco fuori dalla città, ma i mezzi sono molto efficienti quindi in qualunque zona della città voi siate non ci saranno particolari problemi. Inoltre non solo la metro è ben fornita ma è una vera e propria attrazione turistica con 110 chilometri di tunnel e stazioni ed è considerata la galleria d’arte più lunga del mondo. Tra le fermate più belle ci sono:

  • STADION (Linea rossa)
  • SOLNA CENTRUM (Linea Blu)
  • THORILDSPLAN (Linea verde)
  • RADHUSET (Linea blu)

È però una delle metropolitane più costose che abbia preso! Questi sono i prezzi quindi vi consiglio di valutare l’offerta più giusta alle vostre esigenze:

Biglietto singolo (75 minuti) – cartaceo54 SEK circa 5 euro
Abbonamento da 24 ore165 SEK circa 15 euro
Abbonamento da 72 ore330 SEK circa 30 euro
Abbonamento da 7 giorni430 SEK circa 40 euro

DOVE MANGIARE:
In generale i prezzi del nord Europa sono più alti in proporzione al loro tenore di vita e ai loro stipendi.
Spesso anche per mangiare un hamburger con una birra piccola possono partire minimo 25 euro (es. Kullens Bar & Kök ma abbiamo mangiato bene ed era nella nostra zona. Accettabile anche la pizza Al Caminetto poco distante da lì. In centro invece Kaffegillet).
Non c’è assolutamente bisogno di fare il cambio moneta perché si può pagare tutto con la carta.

COSA VEDERE:

iniziamo con il dire che è possibile acquistare il Go Stockholm Pass da 1,2,3 e 5 giorni in base alla durata del soggiorno. All’interno di questo pass sono comprese 45 attrazioni che potete consultare qui: Stockholm Pass

  •  Il suo centro storico, per essere precisi Stortorget, la piazza di Gamla Stan, cuore medievale cittadino sull’isola di Stadsholmen, davvero bellissima con i suoi tipici edifici tutti colorati. In questa zona potrete visitare Stockholm Katedrali cioè la cattedrale in stile gotico e barocco, il Palazzo Reale e Riksdag, ufficio del governo generale bello da vedere anche dal ponte davanti. Sempre nel centro storico abbiamo anche una via piccola piccola chiamata Stockholm’s narrowest street.
  • poco distante da questa zona abbiamo una terrazza panoramica molto bella: Mariaberget.
  • dall’altra parte del fiume abbiamo invece il Municipio di Stoccolma fatto con dei mattoncini rossi
  • Vasamuseet: museo dedicato al Vasa, la nave da guerra ben conservata che affondò il giorno del varo nel 1628. Ve lo consiglio perché mi è piaciuto davvero tanto trovarsi davanti a quella nave così imponente anche se è un po’ scomodo da raggiungere con i mezzi se si parte dal centro, infatti mi ricordo di aver fatto anche una bella camminata. Costo 150 SEK (circa €14,00). Incluso nello Stockholm Pass.
  • Skinnarviksberget punto panoramico roccioso su un’altura, super adatto per vedere il tramonto.
  • lo Skyviews se volete fare qualcosa di diverso: una cabina di vetro che ruota intorno ad un edificio sferico il cui costo è di 130 corone svedesi (acquistate il biglietto in anticipo per evitare code).

STOCCOLMA A CAPODANNO:
Come ogni capitale europea, ci sono molti spettacoli pirotecnici durante la sera dell’ultimo dell’anno e ci sono diverse zone da cui poterli vedere, con gente che festeggia e locali dove proseguire la notte (anche se vanno assolutamente prenotati perché non troverete mai posto se vi presentate al momento). Tra le zone abbiamo SkeppsbronSlottsbackenStrömbronBlasieholmen, e Skeppsholmen, Norrbro e Gustav Adolfs Torg che è la piazza centrale di Stoccolma, ospita feste con musica dal vivo e fuochi d’artificio. Altrimenti fanno una festa al chiuso, a pagamento e su prenotazione ovviamente al Museo Skansen.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.