ITALIA

DOVE SONO STATA IN TOSCANA

I TRE GRANDI CLASSICI: FIRENZE, PISA e SIENA

SAN GIMIGNANO

CHIANTI

VAL D’ORCIA

CASENTINO

Innamorata di questa regione è a dir poco, ma alla fine qualsiasi posto o città si visiti ci si lascia sempre gli occhi e il cuore. Qui però si mangia anche molto bene e si può gustare del buon vino. La Toscana spesso è da me frequentata anche per le terme e per le spa.
A seguire una guida dei posti in Toscana e alcuni miei suggerimenti.

I TRE GRANDI CLASSICI: FIRENZE, PISA E SIENA

  • FIRENZE. La città delle tre corone, Dante, Petrarca e Boccaccio; la città della cultura, della letteratura, dell’arte e dell’architettura rinascimentale. Quando arrivate a Firenze consiglio di lasciare la macchina in uno dei parcheggi a pagamento giornalieri e farla tutta a piedi, se invece arrivate in treno ancora meglio in quanto la stazione è centralissima. Per raggiungere il centro in ogni caso passerete davanti alla Basilica di Santa Maria Novella. A seguire troverete la Chiesa di Santa Maria Maggiore, il Battistero di San Giovanni in Piazza Duomo con l’imponente Cattedrale di Santa Maria del Fiore, con la sua sbalorditiva Cupola del Brunelleschi e la torre campanaria ovvero il Campanile di Giotto, sulla quale si può salire per gustare la città dall’alto, ma preparatevi alle file chilometriche dei turisti soprattutto nel weekend. Scendendo poi, passando anche attraverso Piazza della Repubblica si arriva a Piazza della Signoria che ospita i capolavori dell’arte come il Monumento equestre di Cosimo I, la Fontana del Nettuno, il David di Michelangelo e altre statue allineate di fronte a Palazzo Vecchio. Sempre scendendo troviamo la Galleria degli Uffizi (dai 12 ai 20€) e anche qui la fila dei turisti è abbastanza problematica, soprattutto dei mesi estivi e nei weekend. Per finire in zona abbiamo Ponte Vecchio che attraversa il fiume Arno. Il ponte su entrambi i lati ospita delle botteghe e negozi interrotti poi dalla statua di Benvenuto Cellini (scultore, orafo e scrittore fiorentino). Per ammirare il ponte da lontano si può andare sul Lungarno dove si passa sotto al Corridoio Vasariano e anche qui troverete la fila di turisti per fare una delle foto più gettonate di Firenze con il Ponte Vecchio sullo sfondo. Un po’ più lontano abbiamo il balcone di Firenze, cioè Piazza di Michelangelo, che consiglio di raggiungere tramite gli autobus, ma se avete voglia di camminare molto anche a piedi.

DOVE MANGIARE? Non posso non consigliarvi: l’Antico Vinaio e La Prosciutteria, I Tuscani2, La Ménagère e Caffè Artigianale per la colazione.

DOVE DORMIRE? Io personalmente mi sono trovata molto bene con la catena di NH hotel che d’estate offe una bellissima terrazza panoramica su Firenze, con piscina e piano bar o all’Anglo American sempre di NH.

  • PISA, piccola città toscana ma davvero di effetto per la sua Torre pendente conosciuta in tutto il mondo, che si trova all’interno della bella Piazza dei Miracoli. Gli altri monumenti che si possono ammirare nella Piazza sono la Cattedrale e il Battistero. Li vicino si può raggiungere anche il cimitero monumentale, il Campo Santo, o farsi una semplice e affascinante passeggiata lungo il fiume e tra i suoi negozi.
Pisa
  • SIENA e dintorni: altra bellissima città della toscana, Siena, famosa per la bellissima Piazza del Campo, nella quale tutti gli anni per due volte l’anno si svolge il famoso Palio di Siena (anche se non sono molto d’accordo con la corsa a cavallo fatta mettendo in pericolo la vita di questi poveri animali e anche dei fantini stessi). Simboli della città sono anche il Duomo e il Palazzo Pubblico con la Torre del Mangia. Con Opa SI PASS si accede con un unico biglietto al Duomo, al Battistero di San Giovanni, al Museo dell’Opera e al percorso che porta alla terrazza panoramica del Facciatone. Prezzo 15 euro.

Se invece volete vedere uno spettacolo naturale dovete prendere la macchina e andare a godervi il panorama sulle Crete Senesi in particolare all’agriturismo Baccoleno: qui si parcheggia lungo la strada e si prende il sentierino che va sulla collinetta per ammirare il paesaggio… mi raccomando state attenti quando ci sono i campi coltivati!
Tutto il territorio delle Crete Senesi è comunque caratterizzato da viali di cipressi molto belli e molto instagrammabili.

POCO DISTANTE DA SIENA
A 35 km da Siena trovate l’imponente Abbazia di San Galgano del 1200. La struttura ha la caratteristica di essere senza il tetto che venne distrutto nel 1700 a causa di un fulmine che colpì il campanile che cadde a sua volta sopra il tetto della struttura: venne lasciata così ed è la cosa più bella e affascinante di questa zona. Il costo di entrata è di 4 euro a persona e gli orari di apertura sono consultabili sul sito perché variano a seconda della stagione. Con lo stesso biglietto è possibile visitare l’Eremo di Montesiepi, raggiungibile anche a piedi, dove viene conservata la famosa spada nella roccia.

Tra gli altri posti da vedere in questa zona abbiamo il Molino Bianco delle Pile (anche se è chiuso), Ponte della Pia, Chiusdino, Monticiano.

DOVE DORMIRE? Tra i boschi toscani troviamo un Borgo lontano dal tempo e da tutti: questo è Borgo Tolomei. Un antico borgo del XI secolo dove il tempo sembra essersi fermato circondato dalle colline toscane. In questo borgo sono stati allestiti degli appartamenti chiamati in modo diverso e arredati in modo diverso. Io e Nicolò abbiamo passato la notte al Granary e io mi sono follemente innamorata del suo soppalco in legno bianco con un letto troppo comodo. La struttura ha la fortuna di essere in una posizione strategica per visitare le meraviglie che ci sono attorno oltre ad essere pet-friendly.
La struttura è prenotabile anche per eventi particolari quindi potete consultare il sito https://www.borgotolomei.it/.

DOVE MANGIARE? Una cosa particolare che mi sento di consigliare è l’esperienza vissuta a “La Sosta del Cavaliere” a due passi dal borgo medievale di Torri Sovicille (SI). Lo Chef Leonardo Fiorenzani è un ragazzo super appassionato di cucina gourmet e il suo entusiasmo, la sua energia e la sua preparazione lo hanno portato ad aprire un bellissimo ristorante con vista su Siena e ha in serbo degli obiettivi molto importanti. Il menu è studiato alla perfezione, basato su equilibrio e contrasti di sapori. Nel suo lavoro è accompagnato dalla Sommelier AIS Michela Bigio che si occupa di selezionare un’ampia gamma di vini, con cura e professionalità.
È possibile organizzare anche eventi speciali grazie allo spazio nel giardino circostante che crea un’atmosfera perfetta e molto romantica. Inoltre è possibile partecipare a delle cooking class con lo Chef e/o degustazioni di vini con la Sommelier. Vi lascio il sito web per qualsiasi curiosità www.lasostadelcavaliere.com e un po’ di foto per rifarvi gli occhi!

SAN GIMIGNANO

vista da Torre Grossa

La bella città ha dei parcheggi subito fuori le mura a pagamento. Più il parcheggio è vicino alle mura e più costa: mezza giornata nei parcheggi sotto mi è costata 6 euro e un paio d’ore la sera in quello vicino alle mura sempre 6 euro. Anche se parcheggiate in quelli più lontani poi potrete raggiungere il centro con estrema facilità grazie al marciapiede lungo la strada oppure tramite un servizio navetta. Fuori dalla città c’è anche un noleggio Vespa per chi volesse farsi un bel giro sulle due ruote.
Arrivati in centro vi suggerisco di acquistare un pass con cui è possibile visitare Torre Grossa, la Pinacoteca, il Palazzo Comunale e il Duomo al prezzo di 13 euro.
Il paese è poi velocemente visitabile e passere attraverso Piazza della Cisterna e Piazza del Duomo. Ci sono anche altre torri che sono visitabili, ovvero Torre Campatelli e Torre dei Salvucci. Camminando potete arrivare ad ammirare il panorama anche dalla Rocca la cui entrata è gratuita.
Subito lì vicino potete fermarvi a “La Vernaccia di San Gimignano experience” per provare una degustazione del famoso vino locale. Ci sono diverse possibilità di esperienza che partono dai 25 euro a persona fino ai 65 con una masterclass. Rimarrete soddisfatti dalla loro preparazione e anche dal panorama della loro terrrazza.

DOVE MANGIARE? Se siete in cerca di qualcosa di abbastanza veloce vi posso consigliare il panino da Gustavo lungo la via centrale. Fa solo panini con prodotti locali e anche lui ha tanti vini! Sicuro a San Gimignano non morirete di sete!!

DOVE DORMIRE? A 6 km dal centro città c’è un bellissimo Boutique Hotel, B&B Molino di Foci, sorto su un antico mulino del XIV secolo. I proprietari sono gentilissimi e mossi da una grande passione: quello di far star bene i propri clienti e di coccolarli il più possibile.
Le camere sono tutte diverse, dislocate sia nella vecchia struttura originaria, sia nella parte più nuova dell’edificio. Il B&B è pet-friendly anche se i cani non possono entrare nella sala colazioni, che è una nuova veranda in legno e in vetro che sembra un tutt’uno con il giardino: probabilmente perché l’ambiente è piccolino e si creerebbe confusione se tutti portassero il loro cane. Fuori c’è una terrazza meravigliosa che viene sfruttata d’estate che si affaccia sul giardino e sulla piscina. Questo è il link del loro sito web per andare a sbirciare www.molinodifoci.com/it/

CHIANTI

Quest’area della Toscana è molto apprezzata per i vini ma anche perché è una delle più conosciute al mondo. Anche qui ci sono dei Borghi da brividi per la loro bellezza, ad esempio sono rimasta incantata da Monteriggioni, Borgo medievale della provincia di Siena. Devo anche nominare Panzano in Chianti, Greve in Chianti (dove abbiamo mangiato e bevuto da dio all’Antica Macelleria Cecchini) e Montefioralle (tutti posti che io stessa ho visitato). Quando tornerò in questo posto meraviglioso (dato che è in programma) sarò felice di rinnovare la lista.

VAL D’ORCIA

I Borghi più belli da visitare sono senza ombra di dubbio: San Quirico d’Orcia, Castiglione d’Orcia, Bagno Vignoni, Pienza, Radicofani, Montalcino, Monticchiello e Chianciano.

Tra gli spot più instagrammabili invece mi sento di nominare: Cappella della Madonna di Vitaleta, I cipressi di San Quirico, l’agriturismo Poggio Covili, I cipressini e gli stessi borghi menzionati prima. Tutti sono segnati su maps con questi nomi quindi si trovano facilmente.

RELAX:

  • terme sensoriali di Chianciano con tutto il percorso spa e delle sue piscine esterne (prezzi variabili, consultare il sito)
  • Adler Spa Resort Thermae (Bagno Vignoni) che è una delle spa più belle e più grandi che abbia mai visto totalmente immerse nella natura. Il costo è altino perché avevamo speso 150 euro in due, più diversi servizi aggiuntivi, senza pasti senza niente.
  • GRATUITO: terme naturali di San Filippo in Val d’Orcia. Si trovano benissimo con Maps e si parcheggia lungo la strada a pagamento. Prima di scendere trovate un bar per poter prendere acqua e cibo perché poi non troverete nulla: infatti dovete portarvi tutto l’occorrente per cambiarvi e se andate d’inverno non bagnatevi i capelli perché poi non avete nulla per asciugarli.
  • GRATUITO: le Cascate del Mulino (Saturnia) che non sono nel territorio della Val d’Orcia ma sono ottime per rilassarsi e vivere la natura circostante. Queste sono molto più grandi di quelle descritte sopra ma anche più frequentate perché molto più conosciute e prese d’assalto dai turisti italiani e stranieri. Per lasciare l’auto non ci sono problemi, dato che c’è un grosso parcheggio libero ma pieno di buche. Ci sono anche dei bar e ristoranti con delle docce a pagamento.

CASENTINO

Il Casentino è una delle quattro vallate principali della provincia di Arezzo ed è il luogo adatto per fare qualche escursione in mezzo alla natura e in mezzo agli animali.
Per quanto riguarda la mia esperienza, ho trascorso un weekend a Badia Prataglia, dormendo al Rifugio Casanova, facendo escursioni e trekking nella zona circostante. Il Rifugio ha uno stile molto semplice, sull’antico, in quanto è molto legato alla tradizione e alle cose “casereccie”. Infatti quando vi troverete in sala davanti ai loro piatti vi sentirete un po’ come dalla nonna, perché la nonna sa cucinare benissimo… ecco mi sono sentita coccolata come se fossi a casa. Si possono fare sentieri in autonomia oppure richiedere la loro guida locale che vi accompagna privatamente o in gruppo nelle zone più belle, raccontandovi anche un po’ di curiosità sul posto, sulle piante e sugli animali. A noi ci ha portati un giorno a Monte Cucco sui sentieri tra la faggeta e a vedere un panorama bellissimo a confine con l’Emilia Romagna e a La Buca delle Fate, che senza guida sinceramente si fa un po’ fatica a trovare. I trekking non sono impegnativi soprattutto perché ogni tanto si fermano per le spiegazioni e danno la possibilità di riprendere un po’ di fiato e di fare le foto.


Se uno lo desidera, può anche richiedere un’escursione notturna per sentire gli ululati dei lupi e per sperare di veder passare qualche capriolo o qualche cinghiale.
Il giorno seguente ci siamo spostati con la macchina e siamo andati per un’intera giornata al Santuario francescano de La Verna: abbiamo iniziato con una camminata meravigliosa nel Bosco delle Fate per poi finire con la visita al santuario che è davvero incredibile, immerso nel verde e a strapiombo sulla collina. Mi raccomando entrate perché ci sono delle zone dentro il santuario imperdibili e panoramiche!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.