ITALIA,  MARCHE

SARNANO E SERVIGLIANO

Siete alla ricerca di due borghi abbastanza vicini da visitare nelle Marche? Questo articolo potrebbe interessarvi allora, perché parlerò di due comuni, Sarnano e Servigliano che sono uno nella provincia di Macerata e l’altro nella provincia di Fermo.

SERVIGLIANO

È un piccolo borgo a forma quadrata costruito in una valle, mentre nel 1700 si trovava in cima ad un colle che poi è franato. Nel 1915 venne costruito un grande campo di prigionia e deportazione della prima guerra mondiale che vide il passaggio di austriaci, ebrei, inglesi e statunitensi, ma anche profughi dall’Istria, dalla Libia e dall’Etiopia. Adesso del campo rimangono le mura che circondano il Parco della Pace e alcune strutture che ospitano foto dell’epoca e modellini della città.
Molto carino e veloce da visitare il centro storico con il suo Palazzo Pubblico, la Chiesa di Santa Maria del Piano e i Palazzi Signorili.
Se siete avventurosi e avete voglia di fare una passeggiata a cavallo passate al Centro Ippico San Marco dove ci sarà una ragazza di nome Sofia con una forte passione pronta per accogliervi nel mondo dei cavalli e portarvi a fare una bella passeggiata. Oppure sarà così gentile da farvi semplicemente accarezzare i cavalli e dargli una carotina.

DOVE MANGIARE e DOVE DORMIRE? Potete prendere in considerazione la bella Villa Funari Country House che ha delle stanze molto curate, con piscina e sala relax e ottimo cibo preparato in casa: infatti sotto il ristorante hanno una cantina con i loro formaggi e i loro prosciutti che vi porteranno sicuro a visitare.

SARNANO

Questo invece è un piccolo borgo della provincia di Macerata con un piccolo centro storico di origine medievale dove il tempo sembra essersi fermato. Sarnano vecchia ha ancora la forma del “castrum”, un borgo fortificato che si snoda in cerchi concentrici dalla Piazza Alta. Potrete notare anche diverse cinte murarie che venivano costruite quando il paese aumentava di popolazione. Sarnano è conosciuta anche per avere la banda più pazza del mondo, la Racchia di Sarnano. Un’orchestra ambulante dove gli strumenti tradizionali sono affiancati da oggetti di ogni tipo: padelle, macinini, tubi, scaldaletto, ombrelli, e perfino lo sciacquone. In estate ci sono anche numerosi eventi che è possibile consultare in questa pagina https://www.sarnanoturismo.it/.
Questo posto inoltre ospita delle cascatelle meravigliose. Da fare assolutamente il percorso ad anello di 6 km “Sentiero delle cascate perdute” che parte del centro del paese e vi porta a queste 3 cascate anche se la più bella è la Cascata dell’Antico Mulino del Piano, le altre due sono Cascata de lu Vagnatò e le Cascatelle. Il sentiero è adatto a tutti ma ovviamente richiede delle scarpe da ginnastica. In alcuni punti è abbastanza comodo e molto adatto alle famiglie, anche perché ci sono dei parcheggi lungo la strada che danno la possibilità di saltare dei pezzi e quindi di non fare tutto il sentiero completo. Attenzione comunque a quando si scende verso le cascate che le rocce sono sempre umide e scivolose. Una volta che ci siete consiglio di fare tutto l’itinerario quindi potete parcheggiare a Largo Bozzoni e iniziare l’itinerario da Piazza Perfetti, la terrazza panoramica del centro storico.

DOVE MANGIARE E DOVE DORMIRE? Sarnano è famosa anche per le sue terme quindi potete passare il pomeriggio all’Hotel Terme di Sarnano. Io avevo dormito qui, l’hotel è molto semplice ma la zona della Spa e terme e ampia e varia. Si può cenare al Ristorante Enoteca La Marchigiana, un posto carino dove si mangia molto bene. Se volete comprare qualcosa di tipico e locale da portare via, passate all’Azienda Agricola Monterotti specializzato da anni nella realizzazione di salumi.

Se avete voglia di fare qualcos’altro o avete più giorni a disposizione, da qui potete spostarvi verso il Lago di Fiastra e il Canyon delle Lame Rosse, qui il mio articolo: https://www.sarabucefalo.it/?p=2210

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.