EUROPA,  SPAGNA

IL PARADISO: FORMENTERA

  • PERIODO: 31 maggio – 6 giugno 2016
  • TEMPERATURA: dai 19 ai 24 gradi
  • MONETA: euro  
  • DOCUMENTO: carta d’identità
  • VOLO: prenotazione effettuata con Ryanair
  • PERNOTTAMENTO: prenotazione effettuata tramite Booking
  • COSTO DEL MIO VIAGGIO: circa 600€ (comprensivo di tutto: volo, pernottamento, traghetti e pasti fai da te)

La prima cosa che mi viene da dire è che io un mare così bello non l’ho mai visto… anzi specifico: il mare della spiaggia di Ses Illetes… le altre spiagge concorrono benissimo con quelle della Sardegna e della Corsica.

Sono partita con una delle mie migliore amiche e per entrambe è stato il primo viaggio con un’amica: è stata una settimana di mare a tutto tondo…

CONSIGLI PRATICI: Noi siamo partite da Bologna con un volo Ryanair diretto per Ibiza (130€) e scese all’aeroporto ci siamo dirette verso il porto con l’autobus (3€) e abbiamo preso l’aliscafo (24 € a tratta) che ci avrebbe portato sull’isola di Formentera. Abbiamo raggiunto il nostro appartamento Costamar II ad Es Pujols con il taxi (7€ a testa). L’appartamento, in posizione ottima, è costato 470€ per 5 notti e considerando che Formentera è molto cara ho trovato un prezzo molto ragionevole, ma considerate che ancora non era nemmeno iniziata la stagione (i locali avevano iniziato ad aprire proprio in quei giorni).  Abbiamo noleggiato anche un motorino in modo da raggiungere le spiagge più belle e muoverci in libertà: a pochi metri da casa avevamo un noleggio che ci ha dato il motorino 50cc a 20/25€ al giorno (mi sembra che abbiamo aggiunto qualcosa per una piccola assicurazione).
A Es Pujols la sera si può cenare in localini davvero belli, con vista mare se non addirittura sulla sabbia, poi ci sono i negozi e i supermercati aperti fino a tardi, i mercatini e per gli amanti della vita notturna le varie discoteche (preparatevi ai PR che vi fermano più volte al giorno).

SPIAGGE DA NON PERDERE:

  • Io avrei passato tutti i miei giorni sulla Playa de Illetas, caratterizzato da un finto mare azzurro e dalla sabbia con tutti i riflessi d’argento e d’oro. Non fate caso ai nudisti…
  • Espalmador, isola minore, vicinissima a Formentera: si dice che durante la bassa marea si possa andare anche a piedi ma è molto pericoloso perché il mare può tornare ad ingrossarsi in poco tempo. Prendete una barchetta!
  • Playa Migjorn, la più grande spiaggia di Formentera con locali davvero deliziosi;
  • Calo des Mort, delimitata da rocce, vista panoramica e la solita acqua cristallina e sabbia bianca, ma lo spazio è poco quindi potreste trovare sovraffollamento. INFORMATEVI SEMPRE DA CHE PARTE SOFFIA IL VENTO PRIMA DI RAGGIUNGERE QUESTE ULTIME DUE SPIAGGE!
  • Faro a Cap de Barbaria, posto semplicemente fantastico e avvalorato dai suoi preziosi tramonti: stareste le ore a guardare l’orizzonte;
  • La Mola, altra tappa obbligatoria per chi vuole fare il giro dell’isola: le scogliere a strapiombo fanno sempre effetto.

Dopo i nostri meravigliosi giorni a Formentera, siamo rientrate ad Ibiza dove abbiamo trascorso l’ultima notte a Ses Figuretes, dove abbiamo fatto l’ultimo giorno di tintarella, ci siamo abbuffate di paella per l’ultima volta e poi siamo tornate in aeroporto.

Purtroppo non so consigliare locali per la vita notturna perché non abbiamo fatto serata neanche una volta. Ma vi posso assicurare che è pieno e verrete continuamente fermati dai PR per le varie serate in zona. Noi solitamente eravamo a letto entro le 1 di notte e la mattina alle 8.30 eravamo in piedi pronte per partire, ma siamo due amiche accumunate da una passiona troppo forte: la vita di mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *